Iniziative e Blog

Eventi ed iniziative a cura di Kinesì

mal-di-schiena

Mal di schiena, quasi inutili i farmaci antinfiammatori!

I comuni farmaci antinfiammatori, come aspirina e ibuprofene, sono “quasi completamene inutili” contro il mal di schiena, che è considerato la maggiore causa di disabilità nel mondo. E’ quanto emerge da una analisi di 35 sperimentazioni randomizzate, che hanno coperto oltre 6000 persone che usavano antidolorifici antinfiammatori. Condotta dal George Institute for Global Health di Sydney, ha rivelato che i farmaci noti collettivamente come ‘non-steroidal anti-inflammatory drugs’, o NSAIDs, offrono benefici appena superiori ai placebo.

Lo studio, pubblicato su Annals of the Rheumatic Diseases, indica che su 6 pazienti trattati con farmaci antinfiammatori solo uno ha ricevuto benefici clinicamente importanti nel breve termine. E i benefici erano superati da gravi effetti collaterali, come ulcere gastriche e sanguinamento. “La nostra analisi di sicurezza farmaceutica rivela che i NSAIDs aggravano il rischio di effetti collaterali intestinali di due volte e mezzo rispetto ai placebo”, scrivono i responsabili dello studio, Manuela Ferreira e Gustavo Machado.

Due anni fa una simile ricerca degli stessi studiosi aveva concluso che il paracetamolo – da tempo raccomandato come farmaco di prima scelta per il dolore vertebrale – ha scarso effetto analgesico mentre quasi quadruplica l’incidenza di funzioni epatiche anormali.

Gli antidolorifici non sono una risposta al dolore alla schiena, avvertono i ricercatori. “I risultati mettono in luce la necessità urgente di sviluppare nuove terapie e di dedicare più attenzione alla prevenzione” aggiungono. L’attività regolare aiuta a tenere lontano il dolore alla schiena e le persone dovrebbero scegliere l’esercizio che piace loro di più. Quando il dolore colpisce, di solito scompare entro un paio di settimane, ma se persiste, gli studiosi raccomandano la fisioterapia. (Ansa.it)

Un approccio fisioterapico specializzato a risolvere l’origine del mal di schiena che ha innumerevoli fattori scatenanti , (sedentarietà, vizzi di postura, colpi di frusta recenti o passati, ereditarietà, attività lavorative usuranti…) attraverso tecniche ti terapia manuale e rieducazione alla postura corretta con risultati che perdurino nel tempo,permettendo di affrontare la propria vita lavorativa e quotidiana al meglio ma sopratutto senza dolore!  

 

Dott. Stefano Contri

 

 

 

 

I commenti a questo articolo sono chiusi.
Happy woman breathing deep fresh air and raising arms on the beach

Quanto conta respirare Bene?

Una respirazione corretta influisce principalmente su: Una mente più serena Miglior funzionalità cardiovascolare …

Woman with impaired posture position defect scoliosis and ideal bearing

Una postura corretta migliora la vita!

Una cattiva postura spesso ha conseguenze negative sulla colonna vertebrale. Ecco perché è fondamentale mantenere sempre …

19168037 - young attractive businesswoman suffer from neck pain

Spesso la nausea si associa a dolori cervicali perchè?

Spesso la nausea si accompagna ai dolori alla cervicale: si presenta nei casi in cui la muscolatura è particolarmente contratta, …